TRIP ADV

si accettano ordinazioni di PIZZA, SFINCIONE, ROSTICCERIA MIGNON E TORTE DI COMPLEANNO

              GASTONOMIA  SICILIANA

Una storia di tradizioni in cucina

La    gastronomia    palermitana    è    una    delle    più    antiche    in    Sicilia    e    risente    soprattutto    dell'influenza    greca,    pur    rappresentando    un    filone assolutamente   originale.   Si   basa   in   particolare   sul   pesce   ed   i   frutti   di   mare,   sui   dolci   a   base   di   mandorla,   canditi   e   ricotta,   oltre   che   sull'arte   della gelateria, particolarmente apprezzata per le granite. Rispetto   ad   altre   tradizioni   culinarie   siciliane,   presenta   influenze   arabe   di   gran   lunga   minori,   il   che   rende   meno   zuccherati   o   melensi   i   dolci palermitani rispetto a quelli preparati in altre parti dell'isola. Vi offriamo qui di seguito alcuni esempi della nostra gastronomia.
ARANCINAMANIA Via Feltrina , 94 31100 TREVISO Tel. 0422 1710200 info@arancinamania.it
In negozio da noi potrai trovare piatti tipici siciliani, dalla piu’ raffinata pasticceria alle elabarate ricette di gastronomia  dell’isola preparate quotidianamente nel nostro laboratorio.

Rosticceria  Siciliana.

Sapremo  stupirti con piatti ricercati, delicati e leggeri. Vieni a trovarci, e potrai gustare il meglio dela Gastronomia Sciliana.

Pasticceria Palermitana

I dolci  sono artigianali e di straordinaria qualità, prodotti con materie prime e standard di sicurezza alimentare eccellenti, nel rispetto  della migliore tradizione dolciaria siciliana
TRIP ADV
Pane e Panelle Pane e Panelle Pane e Panelle Pane e Panelle

PANELLE COTTE AL MOMENTO

Palermo   è   intimamente   connessa   al   cibo,   ai   numerosi   piatti   tipici,   agli odori   stuzzicanti   e   pervadenti   che   cambiano   a   ogni   passo.   Per   descrivere alcune   specialità   bisogna   entrare   nei   meandri   più   reconditi   dell’animo cittadino   e   svelarne   l’intima   natura   evocando   civiltà   antichissime   e   secoli di storia. Non   si   può   parlare   di   Palermo   senza   trattare   il   suo   più   rinomato   baluardo gastronomico: pane e panelle e crocchè. Procediamo    con    ordine    per    orientarci    nel    labirinto    di    curiosità    che gravitano   attorno   a   questo   piatto   prelibato.   Primo   dato   incontrovertibile: nell’impasto    della    panella    ci    va    il    prezzemolo;    in    quello    dei    cazzilli    o crocchè,    a    base    di    patate,    la    mentuccia.    Questa    frittura    può    essere condita   con   delle   lacrime   di   limone,   sale,   pepe   nero   e,   se   piace,   anche   il tabasco. Le   panelle   farciscono   3   tipi   di   pane   differenti,   scelti   in   base   alla   fragranza che   si   preferisce:   la   Mafalda   (chiamata   così   per   Mafalda   di   Savoia)   è   la più   croccante;   segue   la   Scaletta   (a   forma   di   serpente)   e   la   Focaccia,   o vastidda    che    dir    si    voglia,    un    morbido    panino    rotondo    con    il    cimino (sesamo) sopra.
La   frittura   dev’essere   rigirata   continuamente   e   dev’essere   consumata   appena   pronta.   Per   quanto   concerne   l’olio,   dev’essere   ben   caldo   e   portare con   sé   la   memoria   delle   fritture   passate:   va   cambiato   ogni   centomila   chilometri,   come   quello   delle   moto   Ape   sulle   quali   vengono   preparati   i   panini all’uscita   delle   scuole   e   degli   uffici.   In   alcuni   locali   potete   trovare   la   rascatura,   ovvero   i   rimasugli   di   panelle   e   crocchè   fritti   e   consumati   come aperitivo, senza pane. AVVISO   :   i   Panini   con   la   Milza   e   le   Panelle   si   servono   SOLO   alcuni   giorni   del   mese   :   potete   tenervi   informati   su   questo   ed   altri   Eventi Speciali   seguendo   la   nostra   pagina   Facebook    oppure   lasciando   un   vostro   numero   di   cellulare   sarete   informati   con   un   SMS   o   un Whatsapp.

PASTA ALLA NORMA

Catania,   via   Etnea,   d’autunno   del   1920:   Nino   Martoglio,   Pippo   Marchese e   Peppino   Fazio   sono   a   tavola   da   Angelo   Musco,   e   Donna   Saridda   che porta   in   tavola   spaghetti   con   salsa   al   pomodoro,   basilico,   melanzane   fritte e   ricotta   salata.   Dopo   le   prime   forchettate,   Nino   Martoglio   commediografo di   fama,   plaude   alla   padrona   di   casa   esclamando:   “Signura,   chista   è   ‘na vera   Norma”.   La   frase   piacque   e   Nino   Martoglio   diede   così   il   nome   alla pasta    alla    Norma. L’espressione    è    un    omaggio    a    un    altro    catanese, Vincenzo   Bellini,   autore   della   omonima   opera.   Dire   che   qualcosa   sia alla Norma intendeva quindi un capolavoro assoluto, un concerto strepitoso. La pasta   alla   Norma è   un capolavoro   siciliano,   derivante   dalla   pasta   cu sucu   e   li   milanciani   fritti   siciliana.    Una   pasta (solitamente maccheroni) condita   con pomodoro   e   con   l’aggiunta   successiva   di   melanzane   fritte, ricotta   salata   e   basilico.   In   dialetto   sicilino   è   chiamata   pasta   ca’   Norma. Le melanzane    o    milanciani    sono    state    introdotta    dagli    arabi    dall’India    in Sicilia   all’inizio   del IV   secolo.   Il   nome   comune   deriva   da   mela   (frutto)   non sana,   perché   non   commestibile   cruda.   La   si   usa   infatti   cotta   (e   nella maggioranza   dei   casi   fritta),   nelle   preparazioni   alimentari   più   note   come nel    pesto    alla    Trapanese,    nella    caponata,    nella    parmigiana,    e    nella moussaka.     Păstam     (in     greco πάστα) sta     per     farina     con     salsa     o
condimento    e    deriva    dal    verbo greco    impastare.     Con    questo    termine    si    identificava    in    Sicilia    l’impasto    di    farina,     detto    in    volgare    italico makària: fare   i    maccari   o   maccaruni significa   lavorare   una   materia   pressandola   e   modellandola.   Nel   1154   Al-Idrisi,   geografo   e   viaggiatore   arabo, descrive   un   paese   a   30 km   da   Palermo,   Trabia,   una   zona   con   molti   mulini   dove   si   fabbricava   una   pasta   a   forma   di   fili   leggermente   arrotondati, chiamata itrya (dall’arabo itryah)  la quale viene poi venduta in buona parte del mediterraneo“.

SARDE A “BECCAFICO”

Le    sarde    a    beccafico    sono    una    delle    ricette    siciliane    più    tipiche    e apprezzate. Questo    pesce    piuttosto    piccolo    ed    economico,    molto    diffuso    nei    mari siciliani,   è   stato   per   lungo   tempo   uno   degli   ingredienti   principali   della   dieta delle   famiglie   siciliane   meno   abbienti,   in   particolare   di   quelle   di   pescatori, che se ne cibavano con estrema regolarità. Non   stupisce   quindi   che   nella   tradizione   culinaria   siciliana   siano   presenti molte   ricette   a   base   di   sarde,   che   spesso   venivano   impiegate   anche come   succedaneo   di   ingredienti   ben   più   pregiati   consentendo   così   alla popolazione povera di riprodurre preparazioni tipiche delle mense nobili. Ed   è   proprio   questo   caso   delle   sarde   a   beccafico,   che   altro   non   sono   che la rielaborazione popolare di un piatto di carne estremamente pregiato. Il   beccafico,   infatti,   non   è   altro   che   il   nome   di   un   piccolo   uccello   dalle   carni molto   saporite   che   durante   l’Estate   si   rimpinza   di   fichi   fino   a   diventare piuttosto grasso. Un   tempo   i   nobili   siciliani   erano   soliti   mangiare   questi   piccoli   volatili,   dopo averli   cacciati,   ripieni   delle   loro   interiora.   Questa   pietanza   era   ovviamente assolutamente   al   di   fuori   della   portata   dei   popolani   che   però   ne   imitarono le modalità di preparazione seppur modificando gli ingredienti.
Fu   così   che   ai   piccoli   volatili   vennero   sostituite   le   più   economiche   sarde   e   che   per   il   ripieno   si   optò   per   una   variante   molto   meno   costosa   a   base   di mollica di pane. Le   sarde   a   beccafico,   infatti,   non   sono   altro   che   la   declinazione   povera   di   un   piatto   nobile   ormai   andato   perduto,   la   cui   variante   popolare   è   invece rimasta ben viva e apprezzata della tradizione gastronomica isolana.

CAPONATA PALERMITANA

La    caponata        palermitana        è    un    piatto    che    riassume    lo    stile    di    vita siciliano,   perché   per   prepararlo   occorrono   degli   ingredienti   semplici,   come la   gente   di   questa   terra   ed   il   tempo,   sì   bisogna   prendersi   del   tempo   per cucinare   questa   pietanza,   per   fare   in   modo   che   ogni   elemento   si   unisca all'altro formando un unico Gli   ingredienti   sono:   melanzane,   olive   verdi   o   bianche,   cipolla,   sedano, capperi,    salsa    di    pomodoro,    olio,    sale,    aceto    e    zucchero.    In    alcune varianti si aggiungono basilico, pinoli e mandorle tostate grattugiate. La   ricetta   originale   prevede   rigorosamente   che   le   melanzane   da   friggere siano   tagliate   a   tocchi   non   piccoli   (circa   4-5   cm   di   lato)   -   olive   siciliane intere   schiacciate   e   senza   osso   (mai   olive   denocciolate   tipo   aperitivo) tocchetti di sedano ben visibili , capperi siciliani e agrodolce marcato. La    Caponata    da    piatto    conosciuto    e    consumato    solo    localmente    nel territorio   siciliano   è   diventata   conosciuta   nel   mondo   ,   grazie   all'attività industriale   iniziata   nel   lontano   1869   dalla   famiglia   Pensabene   ,   un'antica famiglia di conservieri in Palermo. Veniva    prodotta    industrialmente    nell'antico    opificio    in    Corso    Tukory    a Palermo    (ancora    oggi    visibile    ma    in    disuso)    ,    inscatolata    in    lattine realizzate    e    saldate    a    mano,    e    da    lì    diffusa    ,    commercializzata    e
apprezzata dai consumatori di varie parti del mondo, in particolare in USA dove gli emigrati siciliani riprovavano il sapore della loro cucina siciliana. Trovarsi   davanti   a   questo   piatto   polifonico,   poter   gustare   quest’incontro   di   gusti,   odori   e   sapori,   caratteristici   della   nostra   cucina,   è   come   rivivere   in un attimo i millenni di storia che ci sovrastano

Contattateci

Siamo a disposizione per qualsiasi informazione, richiesta o preventivo.  Contattaci al 0422 177 200 oppure tramite indirizzo email  info@arancinamania.it

Apertura ed Orari

Aperto dal Martedi alla Domenica Lunedi chiuso dalle ore 09:00 alle 14:00 dalle ore 16:30 alle 21:00

Riconoscimenti.

Grazie al Vostro gradimento continuamo a migliorare il nostro laboratorio  con nuove ricette ed una più ampia scelta dei prodotti della tradizionesiciliana Per una pausa pranzo non banale.

Visitateci

Solo una visita al negozio in prima persona rende merito alla spettacolare varietà delle preparazioni gastronomiche di Michele Mosca, Venite a trovarci in a treviso Via Feltrina 94 .
ARANCINAMANIA